ULTIMI ARTICOLI SELEZIONATI

Tratti dalla rivista EUROSTITCH

LA PARTE PIU' IMPORTANTE DEL RICAMO (di Marion Zuurveen)
PUNTI PRINCIPALI (di Elisabeth Williams)

 


LA PARTE PIU' IMPORTANTE DEL RICAMO (di Marion Zuurveen)

Parte 1 - Il punto erba

image5.gif (2877 byte)image1.gif (1299 byte)image6.gif (3027 byte)image4.gif (2471 byte)

Come tutti sanno, il punto è la parte più piccola del ricamo ma è anche la più importante - niente punti, niente ricamo! Se volete ricamare qualcosa dovete scegliere molti punti. Un punto che potreste usare è il punto erba, che può essere fatto sia con le macchine Multiteste che con le Schiffli.

Il punto può essere usato per il ricamo di molti tipi di oggetti come un sole, una stella, lo stelo o i petali di un fiore, ecc. Poiché da un effetto aperto il punto è spesso usato per il ricamo su tende e tovaglie e pertanto fatto da una macchina Schiffli. Non è particolarmente indicato per i logo delle ditte in quanto questi ricami richiedono un riempimento e non un contorno. Tuttavia anche per i logo in alcuni casi è indicato questo tipo di punto, soprattutto quando c’è un cambio colore.

Un punto erba è un semplice punto raso con la caratteristica di costruire continue piccole linee e contorni che corrono paralleli gli uni agli altri. Distinguiamo punti diritti ed obliqui: immaginate una linea che corre attraverso la metà del carattere e verificate l’angolo che ha rispetto al punto raso. Se ha un angolo di 90° è un punto diritto, se invece presenta angoli maggiori o minori di 90° è un punto obliquo. L’ultima forma di pun-to menzionata consente di risparmiare punti (che tuttavia dovranno essere più lunghi) ed il ricamo appare migliore ma non è adatto per i ricami su materiale da rimuovere. La base del ricamo che tiene i filati scomparirà una volta rimossa pertanto il ricamo dovrà sostenersi da solo. Ciò è possibile solo se tutti i punti misurano il meno possibile e cioè sono il più diritti possibile. La distanza punti e la profondità dipendono da molti fattori, primo fra tutti dal numero dei filati utilizzati.

image9.gif (1686 byte)

image10.gif (1347 byte)

image8.jpg (10859 byte)

Importante tuttavia è anche la materia prima ovvero la composizione del filato, se si tratta di filato twistato o singolo, se o come è stato trattato (per esempio mercerizzato o gazato). Le sete per esempio richiedono un’attenzione particolare. In ogni caso la distanza deve essere scelta in modo tale che l’area ricamata sia coperta dal ricamo stesso e non splenda attraverso i filati del ricamo, né che ci sia una sovrapposizione dei filati.

I contorni sono stirati e non vengono ricamati. Ci sono varie possibilità per i punti base da ricamare; per il ricamo su materiale da rimuovere sono semplicemente delle linee tratteggiate. Per quanto riguarda il ricamo su materiale da rimuovere o il ricamo bucale, con i punti erba ci sono spesso dei pioli liberi in aria, che sono chiamati ‘festoncini’ i cui archi di ritorno si chiamano occhielli.

Entrambe le forme sono usate per l’abbellimento e sono state riprese dai classici lavori fatti a mano. Per quanto riguarda la distanza punti, si possono applicare gli stessi parametri utilizzati per il punto raso. La profondità punto per il punto erba è circa il doppio di quella per un punto raso semplice. Ci sono invece delle differenze per quanto riguarda il punto erba stretto o ampio; con il punto erba ampio la distanza è un po’ inferiore a quella del punto erba stretto. Per il punto erba che si fonde in un punto raso semplice - che spesso si trova come imitazione dei pizzi classici - la distanza punti diminuisce gradualmente e non in maniera repentina.

C’è anche il punto erba spaccato che si ottiene quando i punti base di due punti erba sono quasi paralleli tra di loro ed entrambi sono cuciti sopra insieme, proprio come il punto raso spaccato, che deve essere cucito con ogni incrocio della linea di spaccatura. La distanza pun-to è la stessa del punto erba esteso. Se il punto erba è usato come linea di contorno di bordi dentellati, è necessario, per i ricami su tulle o simili materiali lenti, fare i così detti punti di sicurezza per evitare che il punto erba si strappi.

Oggi, questi punti di sicurezza sono diventati un effetto decorativo, per esempio, quando non ci sono sfilacciature. La figura mostra il disegno e le procedure di lavoro. Ci sono tre forme di applicazione del punto erba: come linea libera nel tessuto; normalmente questa for-ma è usata nei ricami colorati per mostrare i caratteri, alfabeti, ecc.; per contornare i caratteri sia per il ricamo su materiale da rimuovere che su tessuto, i caratteri vengono contornati sia con il punto raso che con il pun-to erba. Lo stesso vale anche per il ricamo bucale e per lavori di taglio. Le aperture saranno principalmente contornate con il punto erba; per il fissaggio delle applicazioni di caratteri; le applicazioni sono create cucendo un carattere fatto su un ma-teriale diverso. Nelle produzioni a macchina il punto erba è usa-to in maniera quasi esclusiva.

image3.gif (2463 byte)                                        image2.gif (3130 byte)

Fonte: Technologie und Erzeugnislehre Stickerei- Klaus Freier
Figure: Lehrbogen für die berufliche Qualifizierung der Werkstätigen, VEB Fachverbuchverlag Leipzig.

PUNTI PRINCIPALI (di Elisabeth Williams)

La maggior parte dei ricamatori insistono che i punti di fondo sono vitali, ma quando il Vostro cliente è inflessibile sul taglio dei costi, il fondo é una delle prime cose da cancellare. Di solito più punti ci sono meglio é il disegno, ma se ci sono troppi punti l’ago si incepperà, strapperà il materiale oppure si spezzerà.

I punti di fondo danno un effetto migliore sui punti di sopra di un ricamo, pur-troppo molti ricami della moda non hanno neanche un punto di fondo. Questi ricami sono di una qualità bassa perché hanno una densità molto aperta dei punti,come i clienti che vogliono sempre tagliare i costi; per esempio ridurre il numero dei punti, i punti raso forse sembreranno dei punti zigzag e l’impuntura sotto si vedrà sempre. Fa molto male al cuore vedere un buon ricamo che ha un aspetto così economico. Se un cliente è cosi inflessibile su un costo basso e quindi su pochi punti alcuni di questi consigli possono essere utili per i punciatori con meno esperienza:

Ridurre la grandezza del ricamo

Per ridurre sostanzialmente i numeri di punti di un disegno mentre si mantiene il ritaglio che il cliente richiede e quando tutte le altre cose sono fallite, riducete semplicemente il ricamo da 1% al 4%, e nessuno noterà il cambio visivo della misura. Ma il numero dei punti in al-cuni casi viene ridotto significativamente. Per chiudere una densità aperta senza inserire più pun-ti, mettete i punti ad un angolo di 30°-45°. Questo crea l’illusione di una densità più alta (Fig. 1).

‘Fa molto male al cuore vedere un buon ricamo che ha un aspetto cosi economico’ Fate sempre il campione del ricamo in un colore che non è troppo scuro e neanche troppo chiaro per il tessuto, per esempio, per il tessuto bianco non usare il nero o un filato rosso brillante ma un grigio medio, un blu, un arancione scuro o un verde medio sarà più bello per un disegno per delle lettere dove tristemente mancano il numero corretto dei punti. Simi-larmente non fate campioni di fi-lato bianco su tessuto nero, sono più belli il blu, il rosso scuro, il rosso giallo, il verde medio e il grigio medio. Ancora meglio, usate un colore di filato che è solo un pochino più scuro del colore del tessuto, ciò non solo è bello per i disegni con pochi punti ma è anche più piacevole all’occhio. Colori estremamente brillanti sono sempre poco adattabili ai ri-cami perché tentano sempre di far vedere qualsiasi dettaglio e anche l’errore tecnico più piccolo viene visto, presumendo che ci siano. Certamente può darsi che Voi non avete una scelta del colore del campione o del tessuto o del filato; in questo caso il ricamo forse non ha il suo aspetto migliore. Comunque il cliente dovrà essere al corrente degli svantaggi di un ricamo a costo basso.

Raddoppiate la lunghezza dei punti di fondo

Un altro modo per ridurre il nu-mero totale dei punti di un disegno, se avete bisogno di mantenere il numero dei punti di fondo, è raddoppiare la lunghezza dei punti di fondo dal settaggio che usate, diciamo è 20 punti (2 mm) ad un valore di 40 punti (4 mm).

image16.jpg (6843 byte)

image17.jpg (7101 byte)

5387 punti

16244 punti

image14.jpg (7927 byte)

image15.jpg (8068 byte)

11229 punti

19244 punti

Questo dimezza il numero dei punti per il totale del fondo. Questo può essere estremamente utile per un disegno grande. Tuttavia, una lunghezza del punto di base più grande non scorre bene intorno a delle curve complicate visto che il punto da una penetrazione all’altro viene ovviamente una linea dritta e non una curva (Fig. 2). La lunghezza del punto a volte può essere spinta fuori della zona disegnata dalla cucitura di sopra, quindi non mettetelo troppo vicino ai bordi. Per un disegno grande dei fiori con un costo minimo, un metodo efficace è quello di usare una densità molta aperta sul punto raso sopra con un fondo che cammina intorno agli angoli, questo può essere usato solo su un gambo con il resto del disegno in un punto raso meno aperto. Con un ricamo di moda tipo fiori colorati é molto facile ridurre i punti. Usando molte delle tecniche descritte in questo articolo potrete provare di diminuire fino a metà il numero dei punti e vedrete appena la differenza.

Alcuni disegni possono essere digitalizzati con una sezione intera di colore che viene lasciata via e il tessuto dell’abbigliamento stesso prende il suo posto. Questo non sempre è possibile, o facile, ma certamente può risparmiare tanti punti e l’uso di un colore in più. Infatti alcune lettere, sono molto difficili da fare, quando si trovano sopra un fondo riempito con dei punti, quindi siate bravi a farne senza, ovviamente più è alta la densità, più si vede attraverso i punti e di conseguenza il fondo diventa visibile. Quindi potete mettere l’impuntura dei punti di sotto,vicino ai bordi, con le giunture dei punti di sopra per farli combaciare se per caso la densità deve essere aperta per un nuovo campione più avanti. In questa situazione potete usare l’effetto "trapunta" dove il computer posiziona l’impunture di sotto, vicino al bordo dell’elemento riempito e quindi non essendo visibile attraverso la zona riempita (Fig. 3)

Tagliare le vostre zone cucite che sono una sopra all’altra.

Potete anche tagliare delle zone di cucitura che sono una sopra all’altra. Sui tipi più recenti di software, inserire un buco dentro all’elemento riempito lo fa in maniera facile. Ma anche quando si taglia il numero di punti è una buona idea farlo altrimenti, il risultato finale potrebbe essere che ci sono troppi strati di cucitura. Anche pochi strati fino a tre, a volte causano delle rotture dell’ago a seconda della densità della cucitura nei vari strati. Le lettere non sempre hanno bisogno di un fondo in zigzag denso. C’è poca differenza in effetti tra un zigzag di alta densità e di bassa densità sul fondo per quando riguarda e le lettere di misure piccola a media. Infatti, delle lettere molto piccole di circa di 5 - 10 mm possono avere benefici da un zigzag con una densità molta aperta. Comunque le lettere molto grandi hanno bisogno di avere un fondo abbastanza pesante per avere un aspetto migliore. Il tempo che occorre per adattare un ricamo a seconda della soddisfazione del cliente a volte é più importante del costo per mille punti. Quindi può essere anche più efficace per i costi, mettersi d’accordo per un prezzo fisso, senza dare importanza ai punti del disegno. Anche se il tempo di produzione è un fattore da considerare, il tempo di lavoro interessa relativamente al punciatore, sicuramente é importante per l’operatore delle macchine industriali che vogliono completare il lavoro nella maniera più veloce. Quindi una media felice deve essere ricercata sia per il Vostro cliente che per gli operatori delle macchine.

image11.jpg (1555 byte)

image12.jpg (1860 byte)

image13.jpg (2143 byte)

fig.1 fig.2 fig.3

Elisabeth Williams lavora per Sew to Speak.
Se avete delle domande potete contattarla per:
Tel./Fax: +44 (0)20 8363 3908
E-mail: liz@sewtospeak.freeserve.co.uk